“Ci fa piacere affiancarci ad una squadra di calcio che viene definita ‘ceramista’: Albissola è la patria della ceramica…!”: così esordisce Tullio Mazzotti, titolare della Manifattura Ceramica Giuseppe Mazzotti 1903, una delle eccellenze artigiane del nostro territorio, nuovo partner della squadra di calcio che a giorni esordirà nel campionato di Lega Pro Serie C.

Un orgoglio ed un vanto per la società calcistica, un connubio naturale con un’azienda che da oltre un secolo rappresenta il nome di Albisola in Italia e nel mondo.

La prima iniziativa comune è legata alle regalie che la squadra della presidentessa Claudia Colla Fantino farà ai presidenti delle squadre avversarie: “Faremo una serie di piatti in esclusiva, pezzi unici, che riprende una linea futurista risalente agli anni Trenta, quando l’Italia vinse i Mondiali del 1934 e del 1938″. Curiosità: anche in occasione dei Campionati del Mondo del 1990 la Manifattura Giuseppe Mazzotti ha prodotto delle statuine in ceramica dedicate all’evento.

Ecco, allora, che la società più giovane della Lega Pro si abbina ad una azienda storica del suo territorio, come sottolinea ancora Tullio Mazzotti: “Siamo una delle più vecchie d’Italia se non la più vecchia: abbiamo una grossa tradizione che parte dal 1903”. Per maggiori dettagli sul nuovo partner dell’Albissola 2010 si può fare riferimento al sito web http://www.gmazzotti1903.it/: “La Manifattura Ceramica Giuseppe Mazzotti 1903 è stata avviata nel 1903 da Giuseppe Bausin Mazzotti a cui sono succeduti i figli Torido, Tullio e Vittoria e, oggi, dopo Giuseppe Bepi Mazzotti figlio primogenito di Torido, Tullio Mazzotti alla quarta generazione dei Mazzotti ceramisti. È stata costituita come impresa artigiana privata a conduzione famigliare finalizzata alla produzione di manufatti in ceramica con la denominazione Giuseppe Mazzotti. Nel 1960 Torido (figlio primogenito del fondatore) separa la sua attività da quella del fratello Tullio mantenendo la denominazione originale Giuseppe Mazzotti che si evolve, nel 1988, in Giuseppe Mazzotti 1903. Successivamente, nel 1989, diviene titolare dell’azienda il figlio, Giuseppe Bepi Mazzotti, dal 2005 gli subentra il figlio Tullio. Inizialmente l’azienda era ubicata nell’antico borgo albisolese di Pozzo Garitta, poi ha aperto una succursale ad Albisola Superiore e nel 1934 ha riunificato le sedi alla foce del Torrente Sansobbia in Albisola Mare, dove ancora oggi mantiene la propria attività. La Mazzotti ha segnato l’arte ceramica del Novecento, sia con la propria produzione artigianale, oggi molto ricercata dal mercato dell’atiquariato, sia per i rapporti che ha avuto con il mondo dell’arte. Negli Anni Trenta e successivamente negli Anni Cinquanta e, senza soluzione di continuità, ancora oggi accanto alla proprio produzione negli stili tradizionali e di moderno design, sviluppa fecondi e importanti collaborazioni con artisti e design contemporanei. Oggi la manifattura realizza ceramiche e maioliche artistiche negli stili della tradizione albisolese, in particolare il rinomato e conosciuto Bianco e Blu, o Antico Savona (stile costituito dalla rappresentazione pittorica di castelli, angeli o figure mitologiche contornate da alberi e “erbaggi”, con sullo sfondo montagne e colline) rappresenta la parte maggioritaria della produzione. Accanto alla produzione tradizionale la Mazzotti edita in numero limitato, da calchi o disegni originali di Tullio Mazzotti, le ceramiche Futuriste ispirate alla produzione decò e futurista, quando negli Anni Trenta Fillia, Munari, Gaudenzi, Bevilacqua frequentavano i laboratori e realizzavano quelle opere che oggi sono materia di ricerca per studiosi e collezionisti i quali ne apprezzano la valenza nel campo delle arti applicate. Inoltre valenti artisti e designer frequentano i laboratori e creano ceramiche di notevole pregio“.